Casa di accoglienza per minori “don Altana” - Sulla Via della Pace
422
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-422,bridge-core-1.0.5,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-svdp,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

Casa di accoglienza per minori “don Altana”

L’edificio si trova in una zona prevalentemente agricola. Il fabbricato esistente era già sede di una comunità di accoglienza per minori, ma risultava carente di spazi per la gestione e per gli operatori, come è risultato dal percorso di percorso di Progettazione Partecipata compiuto nei mesi di gennaio-maggio 2008.

L’intervento è consistito quindi nella nuova costruzione di un blocco uffici in ampliamento, nella risistemazione degli spazi al piano terra della struttura esistente e la riorganizzazione delle aree esterne, con opere a verde.

I materiali impiegati sono in bioediliza. L’intervento adotta soluzioni funzionali e tecnologiche per ridurre al minimo la cementificazione di aree rurali e l’impatto sull’ambiente, concilliando le esigenze di funzionalità dell’attività terziaria con il rispetto del paesaggio circostante.

Tipologia

Uffici, ampliamento con progettazione partecipata

Luogo

Reggio Emilia

Data

2007 / 2011

Stato

Realizzato

Dimensione

< 250 mq oltre ad aree esterne

Costo dell’opera

< 500.000,00 euro

Committente

Dimora d’Abramo scarl

Progetto 

Arch. Gian Lorenzo Ingrami
Arch. Mauro Pifferi

Direzione dei lavori

Arch. Gian Lorenzo Ingrami
Arch. Mauro Pifferi

Rilievi e contabilità

Geom. Enrico Turrini

Sicurezza

Geom. Enrico Turrini

Collaboratori

Ing. Sarah Trussardi (strutture)
Ing. Alberto Guareschi (impianti elettrici)
P.I. Gianmaria Santostasi (impianti termomeccanici)

Categorie
assistere, partecipare, produrre